Select Page

Gli androgeni negli uomini e nelle donne possono contribuire agli sblocchi dell’acne

Analizzando le scansioni della densità ossea, questi nuovi dati raccontano un po ‘di più della storia, aggiunge. Sebbene ci siano ancora domande sulla relazione tra il sonno notturno e la salute delle ossa.

Ulteriori ricerche con misure più oggettive del sonno necessario per confermare i risultati

Questi risultati suggeriscono un’associazione tra dormire cinque ore o meno e avere una densità minerale ossea inferiore, ma non dimostrano che il sonno abbreviato stia effettivamente causando l’indebolimento delle ossa, secondo Sara E. Benjamin, MD, clinico associato presso il John Hopkins Center for Sleep di Baltimora.

“Penserei che i cambiamenti nella densità ossea impieghino molti anni a svilupparsi, quindi per me il sonno auto-riferito di una persona nelle ultime quattro settimane potrebbe non essere una buona misura di come la persona ha dormito negli ultimi anni. Nell’ultimo mese potrebbero aver avuto un problema medico o un fattore di stress che avrebbe portato a una quantità di sonno inferiore al normale “, afferma il dottor Benjamin.

Un altro potenziale limite dello studio è che l’autovalutazione delle persone sulla durata del sonno potrebbe non essere sempre affidabile, secondo Benjamin. Una recente brutta notte di sonno può far pensare a una persona che nel complesso dormono male, inducendo le persone a sottovalutare la quantità di tempo che dormono, dice.

“Se si vuole testare la forza di questa associazione, si dovrebbero prendere in considerazione misure più oggettive della durata del sonno, compreso l’utilizzo di monitor di attività o di onde cerebrali per osservare quanto tempo le persone dormono”, dice Benjamin. “I risultati di questo tipo di monitoraggio potrebbero essere confrontati con i risultati dei questionari sul sonno per vedere quanto corrispondono veramente”, dice.

Cosa succede durante il sonno che protegge le ossa? Sono necessarie ulteriori ricerche per scoprirlo

Sebbene lo studio non sia stato progettato per esaminare il motivo per cui la mancanza di sonno potrebbe avere un impatto negativo sulla BMD e aumentare il rischio di osteoporosi, gli autori hanno alcune riflessioni sul motivo per cui l’associazione potrebbe esistere.

“Sappiamo che il rimodellamento osseo avviene durante il sonno: questa sarebbe la spiegazione più semplice”, afferma Ochs-Balcom. Se dormi di meno, il processo che le ossa devono attraversare per rimanere in salute non può avvenire nel modo corretto, spiega. Ma avremmo bisogno di più studi che esaminino fattori aggiuntivi per dimostrare che ciò sta accadendo, aggiunge.

È importante per la tua salute generale e il tuo benessere a lungo termine prendersi cura delle tue ossa, afferma Ochs-Balcom. “Questi risultati suggeriscono che il sonno è importante, ma questo è solo un componente. Le donne devono anche svolgere la quantità raccomandata di attività fisica e seguire una dieta sana per mantenere la salute delle ossa “, dice.

Iscriviti alla nostra Newsletter per una vita sana!

Le ultime novità nel sonno

8 problemi di salute legati al non dormire a sufficienza

La privazione cronica del sonno può avere conseguenze a lungo termine per la salute e il benessere generale.

Di Becky Upham, 17 marzo 2021

La consapevolezza può migliorare il tuo sonno?

La ricerca suggerisce che una pratica regolare di consapevolezza può aiutare con più misure del sonno.  

Di Markham Heid, 16 marzo 2021

Le migliori e peggiori bevande da bere prima di andare a dormire

La scienza dice che quello che sorseggi prima di andare a dormire (e per diverse ore prima di farlo) può sicuramente influenzare il tuo sonno.

Di Vivian Manning-Schaffel, 16 marzo 2021

I migliori prodotti per dormire

Ecco 10 scelte lenitive, calmanti e pronte per andare a dormire progettate per darti le z di cui hai bisogno.

Di Elizabeth Millard, 15 marzo 2021

Perché hai strani sogni durante la pandemia di COVID-19

E come avere meno persone angoscianti.  

Di Markham Heid, 12 marzo 2021

Come preparare il tuo corpo per girare gli orologi in anticipo per l’ora legale

“Perdere” un’ora di sonno ogni primavera può essere spiacevole, ma la ricerca suggerisce che potrebbe anche nuocere alla nostra salute. Ecco cosa dovresti sapere.

Di Lauren Bedosky, 8 marzo 2021

Il potere del sonno per migliorare la salute del tuo cuore

Un nuovo studio rileva che le persone con abitudini di sonno più sane hanno meno probabilità di sviluppare insufficienza cardiaca.

Di Becky Upham, 3 dicembre 2020

7 suggerimenti per trovare la routine del sonno giusta per te

Quando si tratta di dormire, il tuo corpo ama la coerenza. Ecco come capire quale programma del sonno funziona meglio per te e come rispettarlo.

Di Jessica Migala, 24 novembre 2020

Quello che i documenti del sonno vogliono che tu sappia sul come tornare indietro nel tempo e le giornate invernali più brevi

Questa domenica segna la fine dell’ora legale. Ecco cosa devi sapere prima di riportare l’orologio all’ora solare.

Di Lauren Bedosky, 27 ottobre 2020

Lo studio rileva tassi crescenti di dipendenza da cellulare nei giovani adulti e un collegamento a un sonno peggiore

In un campione di centinaia di studenti universitari, quasi 9 su 10 avevano sintomi di nomofobia, che era collegata a un sonno peggiore e livelli di energia inferiori durante. . .

Di Katherine Lee, 26 ottobre 2020 “

La depressione maggiore, chiamata anche disturbo depressivo maggiore, è un tipo di depressione in cui la tristezza e il disinteresse per le attività che ti piacevano una volta interferiscono con il tuo modo di funzionare ogni giorno. E se ce l’hai, non sei solo: secondo il National Institute of Mental Health (NIMH), circa il 7% della popolazione adulta degli Stati Uniti ha un disturbo depressivo maggiore.

Chi sono queste persone alle prese con la depressione maggiore? Sebbene la condizione possa colpire chiunque, alcune persone sono più a rischio: le donne, le persone con redditi inferiori, quelle con una storia familiare di depressione grave e coloro che hanno vissuto un evento di vita stressante sono più vulnerabili a svilupparlo. E molto spesso, la malattia compare per la prima volta tra i 25 ei 30 anni.

Depressione grave: conoscere i sintomi

I sintomi della depressione maggiore possono manifestarsi gradualmente o all’improvviso. Non tutti sperimentano gli stessi sintomi e alcuni casi sono più gravi di altri. La depressione maggiore può essere diagnosticata quando si verificano diversi sintomi depressivi che interferiscono con il tuo funzionamento – la tua capacità di svolgere le normali attività quotidiane – per un periodo di più di due settimane. Gli episodi di depressione maggiore di solito si ripetono durante la vita di una persona, ma in alcuni casi, una persona potrebbe avere solo un episodio.

I sintomi della depressione maggiore includono:

Umore depresso. Potresti sentirti triste o irritabile per la maggior parte del tempo. Stanchezza. Problemi di sonno o diminuzione dei livelli di energia potrebbero essere un altro segno. Problemi di pensiero. Potresti scoprire di avere difficoltà di concentrazione o di memoria. Cambiamenti di appetito. Non è raro sperimentare cambiamenti evidenti nell’appetito e nel peso con questa malattia: il cambiamento può essere un aumento o una diminuzione, di solito 10 libbre o più. Disinteresse. Con la depressione maggiore, potresti diventare indifferente a ciò che una volta ti piaceva o non trarre più piacere da attività precedentemente piacevoli come il sesso. Sentimenti di “bassezza”. Potresti sentirti in colpa, inutile, senza speranza e vuoto. Pensieri preoccupanti. La depressione maggiore può essere associata a pensieri ricorrenti di suicidio o morte. Sintomi fisici. Mal di testa inspiegabili, problemi digestivi e dolore possono essere segni di questa malattia.

Depressione maggiore: diagnosi e trattamento

Parla con il tuo medico se stai riscontrando alcuni di questi sintomi. Una diagnosi di depressione maggiore può essere fatta dopo che il medico o un professionista della salute mentale ha eseguito un esame fisico, valutato la tua storia medica personale e familiare e ti ha chiesto di descrivere i sintomi della depressione in dettaglio. Il medico potrebbe chiederti quando sono iniziati i sintomi, quanto sono stati gravi, quanto tempo durano di solito e se li hai mai avuti prima.

La depressione maggiore è più comunemente trattata con farmaci, come antidepressivi o psicoterapia. Gli antidepressivi agiscono stabilizzando i neurotrasmettitori, che sono le sostanze chimiche del cervello che si ritiene contribuiscano alla depressione quando non sono in equilibrio. Oltre agli antidepressivi, a volte vengono utilizzati stimolanti e farmaci anti-ansia come parte del piano di trattamento.

In alcuni casi di depressione da lieve a moderata, la psicoterapia può essere l’unico trattamento di cui hai bisogno. La psicoterapia coinvolge un terapista che ti insegna nuovi modi di pensare e comportarti per alleviare i sintomi della depressione.

Indipendentemente da come tu e il tuo team medico decidete di trattare la vostra malattia, la cosa più importante è che riceviate il trattamento della depressione di cui avete bisogno il prima possibile. Si stima che dall’80 al 90% delle persone a cui è stata diagnosticata la depressione maggiore rispondano bene al trattamento e siano presto in grado di tornare alle loro normali attività.

Iscriviti alla nostra newsletter sul benessere mentale!

L’ultimo della depressione

I 10 migliori alimenti per lenire la depressione stagionale

Un assortimento di cibi che stimolano il cervello e livellano il livello di zucchero nel sangue può aiutare ad alleviare i sintomi del disturbo affettivo stagionale (SAD).

Di Jessica Migala, 25 febbraio 2021

La vitamina D può aiutare a trattare la depressione?

La vitamina D è famosa per aiutare il nostro corpo a costruire ossa forti, ma la ricerca mostra anche che potrebbe aiutare ad alleviare i sintomi della depressione. Ecco dove. . .

Di Lorie A. Parch, 22 giugno 2020

Parlare di depressione: un glossario dei termini usati per descrivere il disturbo

Vuoi saperne di più sulla lingua che descrive la malattia mentale che colpisce più di 264 milioni di persone in tutto il mondo? Ecco i dettagli su. . .

Di Julie Marks, 17 gennaio 2020

Come individuare i segni della depressione adolescenziale

I sintomi della depressione negli adolescenti possono essere interpretati male e il disturbo è spesso frainteso.

Di Katie Hurley, LCSW, 9 ottobre 2019

Come affrontare la depressione del caregiver

Nonostante una maggiore consapevolezza della depressione, la depressione del caregiver sta ancora volando sotto il radar. Scopri cosa guardare e come ottenere aiuto.

Di Michelle Seitzer, 11 settembre 2019

Il primo farmaco per la depressione post-partum ottiene l’approvazione della FDA

Un trattamento rivoluzionario allevia rapidamente i sintomi, ma richiede un’iniezione endovenosa per più di due giorni e ha un prezzo elevato.

Di Don Rauf, 21 marzo 2019

La FDA approva lo spray nasale per la depressione resistente al trattamento

Il farmaco derivato dalla ketamina promette nuove speranze per le persone che non hanno beneficiato dei farmaci antidepressivi.

Di Becky Upham, 11 marzo 2019

La depressione da ketamina è la migliore nuova speranza?

Presto, un nuovo tipo di trattamento della depressione potrebbe essere più facilmente disponibile. È per te?

Di Holly Pevzner, 16 gennaio 2019

Terapia dell’esposizione per la depressione, PTSE e altro

Originariamente un trattamento per il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), la terapia dell’esposizione viene ora utilizzata per trattare l’ansia, la depressione, le fobie e altro ancora.

Di Kathleen Doheny, 27 ottobre 2015

Segni di depressione nei bambini

La depressione non è solo per gli adulti, anche i bambini possono averla. Tieni d’occhio comportamenti persistenti come questi.

Di Jaimie Dalessio Clayton, 15 marzo 2013 “

La genetica, i cambiamenti ormonali e le scelte dietetiche possono svolgere un ruolo nello sviluppo dell’acne negli adulti. iStock (2); Shutterstock

Spesso pensiamo all’acne come a un rito di passaggio, ma poi arriviamo ai nostri venti, trent’anni, quaranta e persino cinquant’anni e ci rendiamo conto che stiamo ancora ricevendo sfoghi. Sfortunatamente, scoppiare da adulti è comune: può colpire il 54% delle donne negli Stati Uniti rispetto al 40% degli uomini, secondo una recensione pubblicata nel gennaio 2015 nel Cochrane Database of Systematic Reviews. Il National Institutes of Health stima che l’80% delle persone di età compresa tra 11 e 30 anni contragga l’acne in una fase della loro vita.

“L’acne negli adulti è spesso ormonale e tende ad essere cistica, quindi sono i rigonfiamenti rossi duri”, afferma Rebecca Baxt, MD, dermatologa presso Baxt CosMedical a New York City e Paramus, New Jersey, e membro dell’American Academy of Dermatology (AAD). “È molto frustrante, specialmente per le donne che non hanno avuto l’acne da adolescenti o ne hanno avuto solo un po ‘e si chiedono, perché sto ricevendo i brufoli ora?”

CORRELATO: Il glossario sulla cura della pelle che ogni donna deve avere

Perché prendiamo l’acne negli adulti, anche se non l’abbiamo presa da adolescenti?

Dalla genetica alle abitudini di vita, una serie di fattori può innescare un breakout.

“Sia per l’acne adolescenziale prostatricum opinioni negative che per l’acne adulta, ci sono prove evidenti che la tendenza all’acne è stata crittografata nei nostri geni”, afferma Yoram Harth, MD, dermatologo certificato dal consiglio e direttore medico di MDacne a San Francisco.

Tuttavia, il tipo di acne che si ottiene da adolescenti è diverso dall’acne degli adulti. “Mentre l’acne adolescenziale di solito appare sulla fronte e sulle guance, le aree tipiche per l’acne degli adulti sono le mascelle inferiori intorno alla bocca e sul mento”, dice il dottor Harth.

Se da adulto soffri di frequenti sfoghi di acne, non sei il solo. Secondo l’AAD, ben 50 milioni di americani hanno a che fare con l’acne in un dato momento. Ecco alcuni dei colpevoli più comuni:

Ormoni La fluttuazione degli ormoni durante il periodo mestruale o durante la gravidanza – o anche durante la menopausa – può portare a brufoli, secondo l’AAD.

Gli androgeni negli uomini e nelle donne possono contribuire agli sblocchi dell’acne. L’AAD osserva che questi ormoni mandano in overdrive le ghiandole sebacee, modificando quelle cellule della pelle che circondano i follicoli piliferi.

Stress Quando siamo stressati, i nostri corpi producono più androgeni. “Scherzo sempre con le persone: ‘Ti darò una ricetta per non stressarti'”, dice il dottor Baxt. Come osserva una recensione di luglio 2017 pubblicata su Acta Dermatovenerologica Croatica, lo stress emotivo può innescare una cascata di effetti neurologici che possono innescare e peggiorare l’acne. In particolare, l’ormone dello stress cortisolo può innescare la produzione di sebo, portando a sblocchi, secondo un articolo pubblicato a giugno 2014 su Inflammation Obiettivi della droga di allergia.

Storia familiare Se uno dei tuoi genitori o fratelli ha l’acne, potresti avere una predisposizione genetica per questo. “L’acne grave con cicatrici corre sicuramente nelle famiglie”, dice Baxt.

CORRELATI: 6 idee sbagliate comuni sulla gestione dell’acne

Secondo un articolo pubblicato online nel febbraio 2018 su Clinical, Cosmetic and Investigational Dermatology, avere l’acne durante l’adolescenza aumenta il rischio di acne negli adulti, soprattutto nelle donne. Sebbene la genetica possa svolgere un ruolo nell’acne adolescenziale, il rischio di contrarre l’acne da adulto è amplificato se anche uno o entrambi i tuoi genitori l’avevano. Lo stesso articolo cita ricerche precedenti che suggeriscono che il 53% delle donne adulte con acne aveva membri della famiglia di primo grado che avevano anche l’acne adulta, come evidenziato in uno studio. Altri dati, pubblicati in una recensione del gennaio 2017 sul Journal of Clinical and Aesthetic Dermatology, indicano una connessione maggiore, osservando che ben due terzi di tutti i casi di acne negli adulti sono attribuiti ai geni.

Dieta e stile di vita Una dieta malsana con molto zucchero e alcol può peggiorare la tua acne, dice Baxt. “Non ho intenzione di dire che lo causano al 100%, ma vedo molte persone che migliorano la loro dieta e la loro acne migliora”, dice.

L’American Heart Association (AHA) raccomanda un’assunzione giornaliera massima di 6 cucchiaini da tè (cucchiaino) di zuccheri aggiunti al giorno per le donne e 9 cucchiaini al giorno per gli uomini. Tieni presente che lo zucchero può essere nascosto nelle etichette degli alimenti. Stai alla ricerca di questi altri nomi per lo zucchero:

Sciroppo di mais Concentrato di succo di frutta Miele Zucchero di malto Molecole di zucchero, come glucosio, saccarosio, maltosio e lattosio

Inoltre, alla tua pelle non piacciono gli altri cibi che possono aumentare il livello di zucchero nel sangue.